“The Waste Land” di Eliot e i “tagli” di Pound