Salvatore Quasimodo a 50 anni dalla morte tra la grecità di Leonida di Taranto e il Cristo di La Pira