Quando Pavese scrisse a Italo Calvino “Vergogna” fu un urlo contro la leggerezza della letteratura