Quando Montale sparlava di Pirandello senza comprenderlo