Eugenio Montale nel Novecento delle poetiche filosofiche è una linea che non supera Pirandello e D’Annunzio