A Ottant’anni dalla morte di Gabriele D’Annunzio nel Commentario delle tenebre l’immaginario della madre crea la visione del personaggio infinito