L’illuminazione della casualità in Montale